Detassazione in Bulgaria

Questo è un problema che riguarda tutti i pensionati italiani in Bulgaria, da agosto 2022 viene revocata la detassazione e in più bisogna rendere tutti gli arretrati del anno in corso, noi rivolgiamo un appello a tutti i pensionati che non hanno ancora ricevuto questa comunicazione, di trasferirsi in Albania dove potranno continuare a percepire la pensione lorda, senza fare null’altro che la variazione AIRE ( naturalmente dovranno richiedere il permesso di soggiorno albanese ) noi consigliamo di non aspettare ulteriormente consigliamo di fare il trasferimento prima che arrivi la comunicazione di revoca

Detassazione in Bulgaria

In base all’articolo 1, comma 2, lett. b) della Convenzione italo bulgara contro le doppie imposizioni (L. 29.11.1990, n. 389) l’espressione «residente di uno Stato contraente» designa, per quanto riguarda la Repubblica popolare di Bulgaria, qualsiasi persona fisica che possiede la nazionalità bulgara.

Pertanto, il pensionato che risiede in Bulgaria, se in possesso dei requisiti prescritti dalla normativa vigente, può chiedere all’ INPS l’applicazione della normativa prevista dalla specifica convenzione.

Al riguardo l’ Agenzia delle Entrate ha di recente sottolineato la necessità che, ai fini dell’applicazione della convenzione per evitare la doppia imposizione fiscale in vigore tra la Repubblica di Bulgaria alle pensioni della gestione dei lavoratori privati, venga comunque effettuata la verifica della sussistenza del requisito del possesso della cittadinanza bulgara per poter attestare la qualità di “residente fiscale”.
Per quanto sopra, qualora dalla suddetta verifica per le posizioni già detassate emerga l’assenza del requisito della cittadinanza bulgara, l’INPS, quale sostituto d’imposta, è tenuto a provvedere tempestivamente alle attività di regolarizzazione per l’anno d’imposta corrente, nonché di rettifica della Certificazione Unica per l’anno d’imposta 2021.

Ciò posto, dalle verifiche effettuate la SV non risulta titolare anche della cittadinanza bulgara, pertanto, a far data dalla rata di agosto 2022 le pensioni VDAI  e VOAUT  verranno tassate secondo la normativa vigente con conguaglio a debito irpef per le rate riscosse da gennaio a giugno 2022 da recuperare sulle medesime prestazioni.
In riferimento all’anno d’imposta 2021 si è proceduto alla rettifica della CU2022 (disponibile a giorni su cassetto previdenziale dedicato all’utenza) da utilizzare per la dichiarazione dei redditi.
Se la SV è in possesso di elementi (documentazione probatoria rilasciata dalla competente autorità bulgara) che possano modificare le suddette determinazioni può senz’altro comunicarle al presente recapito di posta elettronica ovvero agli ulteriori seguenti indirizzi:
direzione.provinciale.foggia@postacert.inps.gov.it
Direzione.foggia@inps.it

Cordiali saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

16 − 7 =